15.8 C
New York
domenica, Ottobre 2, 2022

Buy now

I sosia si assomigliano anche geneticamente

Esistono persone che, pur non essendo imparentate, sono così incredibilmente simili da sembrare gemelli: il termine per definire questi sosia è il tedesco doppelgänger (che potremmo rendere con il nostro latino alter ego), e la probabilità che ognuno di noi ne abbia uno è meno di una su mille miliardi – il che significa che, con 7,4 miliardi di persone sul Pianeta, l’eventualità di trovare una coppia di doppelgänger si riduce a 1 su 135.. Lasciando per un attimo da parte le cifre e i dati, un gruppo di ricercatori spagnolo ha indagato su che cosa accomuna queste persone fisicamente simili oltre, appunto, a lineamenti ed estetica: dallo studio, pubblicato su Cell, è emerso che i doppelgänger hanno un patrimonio genetico inaspettatamente simile, nonostante la mancanza di parentela.. Gemelli diversi. Per arrivare a queste conclusioni, gli studiosi sono partiti da un progetto artistico guidato dal fotografo canadese Francois Brunelle e intitolato “I’m not a look alike!” (“Non sono un sosia!”): dopo aver reclutato 32 coppie di doppelgänger che avevano partecipato al progetto, i ricercatori hanno chiesto loro di sottoporsi a un test del Dna e di riempire un questionario sulle loro vite.
Hanno inoltre sottoposto le immagini delle coppie di sosia a diversi programma di riconoscimento facciale: 16 sono state riconosciute come gemelli identici dall’IA, mentre le altre 16, che potevano sembrare simili all’occhio umano, non lo sono state per l’algoritmo.. Non solo DNA. Il test del Dna ha confermato quanto rilevato dal programma: le 16 coppie più simili erano quelle che condividevano molti geni: «Le coppie di doppelgänger condividono diverse varianti genetiche, che determinano la forma del naso, degli occhi, della bocca, delle labbra, e addirittura la struttura ossea», spiega Manel Esteller, uno degli autori dello studio. Oltre all’aspetto fisico, però, molti avevano di nuovo uno stile di vita e delle abitudini simili, come il livello di istruzione o il vizio del fumo: questo potrebbe voler dire che le variazioni genetiche influenzano forse di nuovo alcuni comportamenti.. Alcune differenze. Guardando con più precisione, però, i ricercatori hanno notato che vi erano diversi fattori che differivano tra i due doppelgänger: l’aspetto epigenetico (ovvero l’insieme delle alterazioni nel Dna causate dall’ambiente e dal comportamento) era profondamente diverso, così come il microbioma (ovvero l’insieme di microrganismi che vivono nel nostro corpo).. I limiti dello studio. Bisogna infine sottolineare che la ricerca, per quanto interessante, presenta alcune limitazioni: è stata infatti condotta su un campione di volontari ridotto (a stento 64 persone) e di origine europea: non possiamo dunque sapere se, analizzando più persone di altre etnie, i risultati sarebbero gli stessi..

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli più recenti