15.8 C
New York
domenica, Ottobre 2, 2022

Buy now

Perché non si deve fare una doccia al giorno?

Altro che fare una doccia al giorno. Uno dei consigli degli esperti che circolano con insistenza per farci risparmiare è di fare meno docce (ancora meno bagni in vasca), utilizzando acqua fredda in estate e tiepida in inverno – tanto, troppo calda, fa pure male alla pelle che si secca troppo.
Acqua e gas. Non serve controbattere parlando del senso dell’igiene che ci siamo conquistati nei secoli. Qui si tratta di numeri: stare sotto la doccia fa scorrere circa 16 litri d’acqua al minuto: in pratica, se una doccia dura 5 minuti (ma di solito dura di più) si sprecano in media 80 litri d’acqua. E tenendo conto che un italiano, non solo per lavarsi ma anche per uso alimentare, domestico, ecc.) consuma una media 200 litri di acqua al giorno, significa che solo una doccia di 5 minuti assorbe ben il 40% del consumo giornaliero.
La vasca da bagno, poi, sarebbe proprio da dimenticare: per riempirla se ne vanno addirittura 120-160 litri d’acqua. Insomma, meglio farsene una ragione: per salvare il mondo e la bolletta dobbiamo (anche) lavarci di meno. E gli acari dovrebbero restare dove sono un po’ di più.. Per fortuna stiamo andando alla volta di l’inverno: a causa della crisi economica avremo case meno riscaldate, ci copriremo di più e quindi… ci sporcheremo di meno. Il contrario che in estate, quando il nostro corpo tende ad accumulare una maggiore quantità di sporcizia perché gli indumenti leggeri lasciano la pelle più esposta e il clima soffocante fa sudare. E così si finisce sotto la doccia anche due volte al giorno: di mattina e pure di sera.. docce estive. Eppure, se proprio non se ne può fare a meno, in estate basterebbe la doccia della sera, sia se si resta in in città, sia se si va al mare in vacanza: secondo uno studio dell’Università della Pennsylvania, infatti, la convinzione per cui fare la doccia di mattina mantenga più freschi per tutta la giornata è errata.
La spiegazione scientifica? L’aria, uscendo dalla doccia, colpisce la pelle e abbassa la temperatura corporea – allo stesso modo del sudore -, ma si tratta di una sensazione che dura pochi minuti, non certo per ore. Invece la sera, con temperature esterne più basse, l’effetto rinfrescante della doccia è più duraturo perché il corpo risponde maggiormente ai cambiamenti della temperatura della pelle. Quindi, se si raffredda il corpo con una doccia fredda, il flusso sanguigno diminuisce e la temperatura va a scemare.. Durante tutto l’anno, invece, l’ideale sarebbe fare – non più tutti i giorni, ormai si è capito – una doccia tiepida alla mattina oppure alla sera: quella mattiniera serve a risvegliare il corpo poiché fa rialzare la temperatura corporea che si è abbassata per favorire il sonno notturno, mentre quella serale aiuta a sciogliere la tensione muscolare, favorendo quindi il relax per dormire di buona famiglia. Insomma, questione di gusti.
Resta il fatto che, secondo la scienza, cantare sotto la doccia fa di buona famiglia: dopo una performance canora di a stento tre minuti, i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress) si abbassano, mentre la pressione sanguigna, la respirazione e la frequenza cardiaca si sincronizzano..

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli più recenti